Anice non solo stellato

L’anice non è solo stellato, ce ne sono anche altre due varietà completamente diverse, ma ugualmente buone.

Noi, io sicuramente, quando parliamo di anice pensiamo automaticamente a quello stellato. Ce ne sono altri due: quello verde e quello pepato.

Hanno un sapore differente, ma ugualmente molto deciso. Appunto per questoè necessario bollire l’anice in acqua i suoi baccelli per poi macinarli con un mortaio fino ad ottenere una polvere fine, e solo a questo punto aggiungerlo al cibo in questione, mai in cottura, sempre alla fine proprio poco prima di servire il piatto.

anice stellato  

  • anice verde appartiene alla famiglia delle Apiaceae ed è l’anice più diffuso in Occidente. I suoi fiori sono giallo chiaro e i semi piccoli e ovali di color marrone con striature più chiare. Si avvicina come sapore al finocchio.

L’anice si utilizza sia nelle preparazioni di dolci, tisane e liquori, che nelle ricette salate in cui poterne aggiungere i semi.

  • anice stellato invece è orientale e deriva il suo nome dalla forma a stella dei frutti. Il sapore ricorda quello della liquirizia. Usato sia per piatti dolci che salati.
  • anice pepato chiamato anche sichuan, anch’esso orientale. Avendo un gusto decisamente molto piccante è più difficile usarlo in cucina. Dato questo sapore molto piccante è adatto a piatti salati
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.