Insaporire con le bacchette elettriche

Insaporire con le bacchette elettriche: una food revolution giapponese, in occidente come potrebbe essere accolta?

insaporire con le bacchette elettriche
https://www.hdblog.it/tecnologia/articoli/n554586/bacchette-elettriche-sale-giappone-tech-chopstick/

Il sale e la salute

Come abbiamo già visto in media un adulto consuma circa 10 grammi di sale al giorno, il doppio di quanto raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il troppo sale è collegato ad un’aumentata incidenza di ipertensione, ictus e altri disturbi della salute. In cucina il sale è un elemento indispensabile, ma al contempo bisogna stare attenti al dosaggio perché un consumo eccessivo può tradursi facilmente in danni per la salute.

Food revolution: insaporire con le bacchette elettriche

Per questo il professor Homei Miyashita della Meiji University assieme al produttore di bevande Kirin Holdings Co. ha ideato una soluzione non alimentare che permette di esaltare i sapori salati diminuendo il sale nel piatto. Questo vorrebbe dire di non limitare il sale col sale liquido o col sale di sedano, ma attraverso una stimolazione elettrica creata da un mini computer indossato dal soggetto che le usa per mangiare. Queste bacchette sono capaci di trasferire elettricamente gli ioni di sodio dal cibo alla bocca, restituendo così al palato un gusto salato anche dove il sale non viene messo. Soluzione non nociva anche se praticamente illudiamo il palato facendogli sentire qualcosa che non c’è, la percezione del gusto salato aumenta di 1,5 volte rispetto al quantitativo di sale effettivamente presente nelle pietanze. Queste bacchette saranno messe in commercio a fine 2023.

https://www.hdblog.it/tecnologia/articoli/n554586/bacchette-elettriche-sale-giappone-tech-chopstick/

A questo punto sorgono delle domande:

  • Col tempo avere due volte al giorno un apparecchio elettrico a contatto diretto con te potrebbe essere nocivo?
  • Queste bacchette secondo me avranno successo, considerando la pigrizia di molti a cercare soluzioni. Io con questo blog vi dò delle soluzioni che funzionano e sono più salutari.
  • Cosa tireranno fuori per l’occidente? Le forchette elettroniche? Gli occidentali potrebbero prendere spunto dal mio blog e mangiar sano senza strumenti elettronici.

Sondaggi sulle bacchette elettriche

  1. Ho fatto un sondaggio su facebook e su linkedin dopo aver pubblicato questo articolo ed ho chiesto se secondo chi ha risposto quasta food revolution arriverà in Italia? Che ne pensate?
    • Su facebook abbiamo avuto questi risultati: arriverà e non la userò 50%, non arriverà 50%
    • Su linkedin abbiamo avuto questi risultati: arriverà e la userò 100% Condivido chi dice che non arrivi e se arriva non la userà, ma rimango stupita di quante poche persone hanno risposto e senza motivarsi. Sarà perchè sono curiosa e sarei andata a leggere l’articolo e avrei risposto o chiesto delle curiosità.
  2. Ho fatto un sondaggio su facebook e su linkedin chiedendo se col tempo avere due volte al giorno un apparecchio elettrico a contatto diretto con te potrebbe essere nocivo?
    • Su facebook abbiamo avuto questi risultati: nessuno ha risposto.
    • Su linkedin abbiamo avuto questi risultati: hanno risposto no al 100% (solo 2 risposte senza commenti). Con solo due risposte capisco che fino a quando la rivoluzione non ci tocca a molto pochi interessa curiosare ed esprimere un parere. Anche se non sono un medico esprimo un parere pensando a quello che dicono sui cellulari, di non mettere allarmismi attenendosi ad alcune regole perché non c’è ancora una risposta sicura.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da giovannaincucina

Sono napoletana, vivo a Formia e dal 2012 mi trovate nel blog giovannaincucina, in questo blog si mangia diversamente salato. Ricette già esistenti, ma personalizzate o ricette create al momento da un'idea o da una curiosità golosa. #diversamentesalato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.